Punto G Basket

Playoff Gara 3: MIRANO BLACK SOUL 67 – 54 PUNTO G TEAM

Stagione 2014/2015
8° Torneo Basket Amatori Venezia
Playoff Gara 3

MIRANO BLACK SOUL 67 – 54 PUNTO G TEAM

Punteggi quarti: (19-18, 12-8, 21-12, 15-16)
Falli fischiati: (29-26)

Referto: Garbin S. (1), Donadel O. (4), Masiero C. (2), Carraro E. (6), Silvestrini G. (16), Berton A. (6), Dei Rossi G., Baruzzo L.(5), Andriolo C. (3), Pattaro L. (6), Pastrello K. (5).


QUARANTA MINUTI PER DESCRIVERE UNA STAGIONE.
Gioie tante come tante le delusioni. Alti e bassi di un match raccontano e segnano inesorabili un andamento strano e discontinuo di questa squadra che a tratti si ritrova e di colpo si perde nuovamente. Ogni minuto scandisce chiaro un passo di questo gruppo attraverso le sfide di questa stagione. Gloriose vittorie ed amare sconfitte tra rimpianti e soddisfazioni, tra rabbia e felicità. Arriva poi il finale che, nonostante i risultati, premia gli sforzi di un anno trasformando tutto ciò che è stato comunque in una VITTORIA! Nessuna malinconia perché non è ancora finita… il meglio deve ancora venire!
AVANTI PUNTO G TEAM!

Le parole del presidente Vanni Fabris intervistato all’indomani della partita:

Dom: Finita la stagione… poteva andare meglio?
Risp: Intanto non è finita, abbiamo ancora due partite da fare e poi non lo so, forse il risultato di Gara 3, ma non lo baratterei mai con l’entusiasmo del nostro gruppo, inteso come squadra e tifosi.
Dom: Puntate al quinto posto?
Risp: Ovvio… anche se mi piacerebbe ora dare più spazio a chi è stato fuori per raggiungere i playoff e queste ultime tre gare, ma sarà il coach a decidere.
Dom: Brucia questa sconfitta?
Risp: No… neanche un po! Anche questa sera grazie ai “Fioi del G” è stato uno spettacolo. poi comunque ce la siamo giocata in Gara 1… in gara 2 è uscito il meglio della nostra squadra ed in Gara 3 complimenti agli avversari che hanno meritato di vincere.
Dom: Qualche incomprensione a fine gara?
Risp: Un po si… ma con la posta in palio forse è naturale. Abbiamo un bel gruppo di tifosi e colgo l’occasione per ringraziarli. Neanche in serie C si vedono cose così belle ed averli avuti per tutto l’anno con noi è stato bellissimo. Magari a qualcuno delle squadre che non li hanno a seguito danno fastidio ma purtroppo non hanno avuto la nostra fortuna.
Dom: Cosa aggiunge ancora?
Risp: Mah… se devo proprio dirne una è che al termine di Gara 2 l’accordo tra me, che sono il presidente, ed il loro coach Andrea era quello di giocare giovedì per problemi di palestra ma successivamente ho letto su WhatsApp la sera dopo che la data era stata cambiata. Questo lo ricordo perché un po ci ha messo in difficoltà. Avremmo potuto avere Donadel a tempo pieno e Fabris recuperato ma vabbeh… è andata, ma era giusto sottolinearlo. Voglio sottolineare però la sportività del coach di Mirano Black Soul e del loro atleta Martignon, il primo per averci successivamente contattati, il secondo per lo stupendo gesto a fine partita. Non è la prima volta che Martignon da esempio a vantaggio di uno sport più sano.
Poi i ringraziamenti al coach Boschin ma anche alle sempre presenti Daniela e Laura. Un grande al super capitano Masiero ed a tutti i venti ragazzi ed al nostro inviato Berton che ha fatto un gran lavoro. Ed infine ancora grazie ai tifosi, ai Fioi del G, ma anche alle morose, agli amici ed ai genitori presenti alle partite.
Ora pensiamo al Summer Park ed al torneo di basket 3vs3. E per quanto riguarda il mercato del prossimo anno ci saranno novità solo se qualcuno se ne andrà perché per quanto mi riguarda sono tutti confermati. Squadra che vince non si cambia e noi quest’anno abbiamo vinto!!!

Analisi Match:
Riscaldamento.
Il Punto G arriva presto all’appuntamento ed all’ingresso in campo per il riscaldamento viene inaspettatamente accolto dal gruppo di supporters Salzanesi più numeroso di sempre, accorsi in trasferta per incitare la squadra già dai primi minuti. Il PalaLevi è già caldo e pronto alla grande battaglia. 
Primo Quarto.
Si salta per la palla a due che va subito in mano ai Black Soul. Nonostante il fattore campo a loro favore impiegano più tempo del solito ad ingranare mentre il Punto G Team, spinto dai fans, marcia a canestro impavido e determinato per i primi punti del match. Inevitabilmente Mirano scalda il tiro e lo fa talmente bene che in maniera imbarazzante infila ben quattro triple consecutive. Nonostante lo sconforto Salzano resta sul pezzo grazie ad un ottimo lavoro di squadra. Mirano sigla la chiusura di un primo quarto equilibrato in vantaggio di un punto.
Secondo Quarto.
Convinto di potercela fare il G torna sul parquet con qualche assestamento del coach Boschin per limitare la forza dello sfidante da fuori area. Mirano entra in partita anche dentro l’area e, nonostante il maggior tifo per Salzano, sente il campo dalla sua parte riuscendo a conquistare canestri facili e costringendo il Punto G a commettere falli ed errori ecclatanti. Si torna in panchina con i Black Soul che conducono ancora il match sul più cinque ma con un Punto G alle costole che non si è ancora dato per vinto.
Terzo Quarto.
Il riposo lungo a volte non fa bene alla squadra verde e questa è una di quelle volte. La squadra si spacca in due. Il G soffre all’unisono ma ogni componente reagisce diversamente. Chi si da per vinto e chi invece spinge per recuperare il divario, a volte addirittura troppo ampio per qualsiasi mera speranza. Gli avversari spingono forte, avendo capito che oramai Salzano è in pallone completo. Soltanto un ottimo lavoro di Silvestrini, il primo tra i pochi che ci crederanno fino alla fine, tiene acceso quel poco di fuoco che ancora arde nei cuori degli atleti Salzanesi e dei loro tifosi che non mancano di farsi sentire. Mirano torna a segnare da fuori area e battendo come un martello sul ferro caldo si porta in vantaggio di ben quattordici lunghezze.
Quarto Quarto.
La frustrazione nella panchina del Punto G è tale da far scaldare gli animi più feriti. Mentre i Black Soul esultano sempre più forte in contrasto alla tifoseria ospite il G subisce duri colpi. Oltre ai giocatori scende in campo anche la rabbia che diventerà causa di una interruzione di gara nel finale per dei battibecchi poco simpatici tra le due squadre. Nell’ultimo quarto, tra sfuriate di coach ed atleti che ridicolizzano l’evento che di amatoriale sembra mantenere ben poco, c’è spazio per chi a basket ha ancora voglia di giocare, ricucendo di qualche punto il divario, risanando l’atmosfera troppo incupita e risollevando il morale di chi ormai aveva gettato la spugna e del pubblico che nonostante il risultato si è stretto con la squadra nell’urlo ridando colore al finale del match che vede Mirano meritatamente vincitore.

Pagelle: 
Squadra (8). Una situazione altalenante non certo degna di un gruppo così affiatato e potenzialmente pericoloso sul piano sportivo. Le possibilità di uscirne meglio c’erano ma se guardiamo tutta la stagione questo match l’ha un po rispecchiata. Segno di una maturità non ancora consolidata ma anche di un grande potenziale celato.
Pubblico (10). In trasferta come a casa. E’ stato lui il vero protagonista della serata, accorso ad ugole spiegate in gran numero anche in campo avversario, a supporto di una squadra maltrattata, pronto ad unirsi sul campo per curare le ferite.

#forzaG #nevergiveup #workhard #playhard #gruppox #puntogteam #goGgo #supportG

A cura di Alvise Berton.

26DF4CA1-2519-454D-AC83-C161280F672A

Categorie:Punto G Basket

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...