Gruppo X

No alla Violenza sulle Donne … non solo oggi ma sempre….

Ogni giorno in Italia 88 donne sono vittime di atti di violenza, una ogni 15 minuti. Più di 90 i femminicidi nel 2019 che non è ancora finito

Nel 2019, fino al 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, sono più di 90 le donne uccise in Italia da un familiare.

Si contano in queste statistiche anche quelle uccise da figli o nipoti e quante, anziane e malate, sono vittime di omicidio-suicidio con il marito che colpisce perché la vita è diventata insopportabile. La maggior parte sono però donne che si fidano per un’ultima volta di chi ha detto per anni di amarle e che cadono vittime della sua violenza. Nella gallery in alto raccontiamo alcune delle loro storie.

I dati per il 2019 sono parziali. Sono invece certi quelli del 2018 e dicono che le violenze contro le donne sono ancora in crescita. Sono state 142, lo scorso anno, le vittime di femminicidio (+0,7%), 119 in famiglia (+6,3%). Questo racconta l’annuale rapporto Eures: Femminicidio e violenza di genere in Italia. Aumentano anche le denunce per violenza sessuale (+5,4%), stalking (+4,4%) e maltrattamenti in famiglia (+11,7%).

Ad aumentare nel 2018 sono soprattutto i femminicidi commessi in ambito familiare o comunque affettivo. È fra le mura di casa che viene colpito l’85% delle donne e sono sempre più spesso i partner a colpire. Aumenta anche il numero delle donne anziane vittime di femminicidio e delle straniere.

Dice la Polizia di stato che ogni giorno in Italia 88 donne sono vittime di atti di violenza, una ogni 15 minuti. L’80 per cento sono italiane e, per il 74%, lo sono anche i loro carnefici. Le vittime e i loro aggressori appartengono a tutte le classi sociali e culturali. Nel 2019, il 34 per cento delle vittime di omicidio è donna e in sei casi su dieci l’assassino è il partner o l’ex partner. Una su due lascia figli piccoli e nel 18 per cento dei casi l’autore si toglie la vita.

Secondo Eures «il principale movente dei femminicidi familiari risulta quello della gelosia e del possesso (impropriamente definito passionale), riscontrato nel 32,8% dei casi; seguono, con ampi scarti, le liti e i dissapori (16%) e il disagio della vittima (15,1%)». Le armi usate sono quelle da fuoco, molto spesso legalmente detenute, e quelle da taglio.

In costante crescita anche il reato di stalking: nel 2018 14.871 denunce, con un aumento del 4,4% tra il 2017 e il 2018 e del 19,5% rispetto al 2014. Per i maltrattamenti in famiglia quello del 2018 (17.453 delitti denunciati) è il dato più alto dell’ultimo quinquennio.

Categorie:Gruppo X

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...